Lago Andrea a Rapolla

Il Lago Andrea si trova a Rapolla, in provincia di Potenza, presso Contrada Braide. Nacque circa 10 anni fa dall'idea del proprietario che, essendo appassionato di pesca, ha voluto dargli il nome del figlio Andrea. Il lago ha forma di una pera, profondo quattro metri ed ha una superficie di circa 2000 metri quadrati. E' aperto tutti i giorni dall'alba al tramonto, da settembre a maggio. Il pesce che viene pescato è la trota iridea, fario, salmonata, lo storione. Da maggio a settembre si possono pescare pesci gatto, storioni, boccaloni e carpe, con possibilità di notturna visto il periodo estivo.



Il pescatore può trovare tutte le informazioni utili alla pesca, nonchè la scelta delle esche direttamente dal proprietario il quale offre tutti i comforts, i servizi igenici, un piccolo bar con negozietto all'interno di articoli da pesca.

Il Lago Andrea si trova in una posizione con piacevole vista del Monte Vulture, che sovrasta questa cittadina Lucana, molto conosciuta sia per la produzione vinicola dell'Aglianico del Vulture, sia per la produzione olearia e per le cure termali. Le sue acque, infatti, sono utilizzate per scopi terapeutici.



Queste terme furono costruite nei primi anni del 900 e grazie alle sue acque ricche di salso, solfato, bicarbonato, alcaline, sono indicate per curare sinusiti, reumi, bronchiti, artrosi, sciatica, ecc. e sono convenzionate dall'ASL. Per quanto riguarda il Monte Vulture è alto 1326 m. ed è un vulcano spento da epoca preistorica. Quest'area è una riserva naturale che si estende dal lato est del Momonte Volture e il fiume Ofsnto, nelle frazioni di Monticchio Bagni ad una quota tra i 400 ed i 650 m sul livello del mare.



In questa riserva sono situati il Lago Grande ed il Lago Piccolo, i quali occupano una bocca craterica dell'antico vulcano. Il lago Piccolo viene alimentato da sorgenti subacquee che sono ricche di Sali minerali, ha sponde molto ripide ed una profondità illimitata. Questa riseva naturale è molto conosciuta per le sue sorgenti minerali che sgorgano da ogni parte, tanto da far sorgere due stabilimenti di acque minerali come la famosissima "Guadianello" e "Lilia."



La nostra cittadina è ricca di monumenti antichi come la Cattedrale che risale al XII secolo, altre chiese rupestri e borghi. Inoltre fu dominata da numerosi popoli, dapprima i longobardi, poi i normanni, successivamente gli svevi e gli angioini.



Pescare al Lago Andrea richiede l'utilizzo di canne leggere, per la pesca a striscio con leggera tremarella. Ideali sono le tre pezzi o le telescopiche di 3,80m per un'azione 1/4 o 2/5gr. Solitamente le trote tendono a stazionare al centro, dove vi è maggior fondo, per poi spostarsi lungo i lati del lago, con una distribuzione pressochè uniforme. La lenza è riassunta nel nostro video istruttivo, con un terminale variabile tra i 7 ed i 130cm, specie con trote sospettose o abuliche, immobili sul fondo. E' altresì valida la pesca ferma della trota, con il galleggiantino o "tappo". Il gestore è solito immettere prede dai 300gr in su, con esemplari di trota che sfiorano i due chili di peso per assicurare il massimo divertimento.

Altre informazioni utili:

Viabilità: dirigersi a Rapolla con la SS93 e girare al km 70.300, poi si prosegue per una strada poderale che conduce sulla collina ove risiede il Lago Andrea.

Numero di telefono: Contattare il sig. Alfonso Intana, tel . 329-6158892. D'estate è praticata la pesca al pesce gatto, storione e boccalone.

Marco de Biase

Marco de Biase

Direttore di Pescanet e di Pescare in Trentino. Nato nel 1983, pugliese d'origine e trentino d'adozione. Autore di due romanzi d'amore e pesca, interamente autoprodotti, si occupa di marketing digitale in una pluripremiata agenzia di comunicazione. Dopo una lunga esperienza nel mare Adriatico, da anni frequenta le acque dolci in provincia di Trento, Verona e Mantova. È un pescatore poliedrico, ambizioso, audace, amante delle sfide. Comunica attraverso la scrittura, la fotografia e i social network seguiti da più di ventimila fan in tutta Italia. Vanta collaborazioni con riviste cartacee, aziende e blog di settore.

Itinerari consigliati

I migliori itinerari dall'archivio di Pescanet