I pesci gatto del Lago di Canzolino

Nell’immaginario collettivo, il Trentino è sinonimo di montagne, fiume, torrenti e laghi. Effettivamente è così, infatti in tanti credono che la nostra regione sia un ambiente popolato principalmente da salmonidi. Anche questa credenza popolare non è proprio errata ma, talvolta, proprio dove non ti aspetti c’è sempre la sorpresa dietro l’angolo. Recentemente sono stato a pesca al Lago di Canzolino in Trentino, un grazioso specchio d’acqua nell’alta Valsugana dove è possibile sbizzarrirsi con la pesca al colpo, lo spinning e la pesca a fondo leggera. Trattasi di un lago di collina molto difficile, a causa delle acque non proprio calde e particolarmente cristalline, popolate da esemplari di ciprinidi decisamente diffidenti. Le temperature abbastanza fuori periodo della primavera mi hanno portato a sperimentare la pesca a bolognese in lago, una disciplina un po’ snobbata dai pescatori d’acqua dolce. Avevo voglia di cavedani e scardole ma, con grande sorpresa, sono capitato in una vera e propria colonia di pesci gatto… si, pesci gatto in Trentino! 

 

I pesci gatto del Lago di Canzolino. Ci sono tante leggende metropolitane sull’introduzione dei pesci gatto al Lago di Canzolino. Alcune sono davvero fantasiose… Si racconta, infatti, dell’introduzione dei pesci gatto da un lago vicino, per colpa di alcuni ragazzini birichini che volevano ripopolare il lago con del pesce vorace e facile da pescare. I locali, invece, mi hanno parlato di una semina di pesce bianco dal nord Italia che, per errore, conteneva anche una folta popolazione di pesci gatto.

Alle favole non credo ma non penso riuscirò mai a scoprire la verità. È presente da 2/3 anni e la sua presenza sembra crescere di anno in anno. Pertanto il pesce gatto è un dato di fatto al Lago di Canzolino che va accettato, nonostante l’avversione per questo pesce dai lineamenti non proprio gentili. La taglia media si attesta sui 250 grammi, anche se alcuni hanno catturato esemplari che sfioravano il mezzo chilo. 

 

Pesca del pesce gatto con la bolognese. Per una volta conviene lasciare a casa la canna fissa e la tre pezzi. Concediamoci un ritorno alle origini con la cara bolognese, compagna inseparabile di tante pescate. La profondità massima del Lago di Canzolino è di circa 6 metri, quindi si pesca in maniera agevole con una bolognese di 6 o 7 metri lungo tutto il perimetro. La lenza ideale è composta da un terminale di 30 centimetri dello 0,12, girella, spallinata equidistante di 1,5 metri da 1,5 o 2 grammi e galleggiante di pari portata. Il pesce è abbastanza sospettoso e i gatti non sono da meno. Sembrano preferire lenze piuttosto morbide rispetto a quelle più rigide composte dalla sola torpille (prova sul campo con due montature differenti – una sorta di “split test”). 

 

Conviene pescare sul fondo perché l’attività del pesce gatto è quasi sempre in profondità e raramente a mezz’acqua. L’esca principe è il lombrico, innescato a penzoloni su ami del 12 a gambo corto. Alternativa altrettanto efficace è il ciuffo di bigattini, adagiato su ami più piccoli, dal 16 al 20. Per quanto concerne la pasturazione, i pesci gatto gradiscono sfarinati dolci, non troppo raffinati, dal buon valore proteico. In mancanza di una pastura specifica, utilizzate pure quelli da carpa-tinca. 

 

Spot, permessi e regolamento. Siete in vacanza in Trentino e vorreste provare il Lago di Canzolino? Seguite pure le nostre indicazioni! Dopo essere arrivati nei pressi del lago, posizionatevi sul lato adiacente l’Albergo-Ristorante Aurora, oppure prima delle piante acquatiche (ninfee). Un altro spot piuttosto battuto, quindi abbastanza gettonato, è proprio a metà tra la sponda est e ovest del lago. I punti sono comunque segnalati sulla mappa di Google e sbagliare è davvero impossibile. I permessi di pesca sono disponibili da Hotel Miralago, dall’altra parte del lago. Il giornaliero ha un costo di 4€ e permette di pescare anche sul Lago di Madrano, un piccolo lago a qualche centinaio di metri da Canzolino. Si può pescare con qualsiasi esca ma ci sono limitazioni da regolamento su bigattini (max 50 gr, vietata la pasturazione) e pasturazione a base di sostanze vegetali (max 500gr).

Alla prossima e buon divertimento!

Altre informazioni utili:

Punto Vendita Permessi giornalieri: Residence Hotel Miralago in Via Lungolago, 41, a Pergine Valsugana (Canzolino). Tel 0461 552403.

Obbligatoria la licenza di tipo B
Marco de Biase

Marco de Biase

Direttore di Pescanet e di Pescare in Trentino. Classe 1983, coniugato, vive a Trento. Nella vita si occupa di marketing digitale al servizio di Archimede, pluripremiata società di marketing e comunicazione trentina. Dopo una lunga esperienza nel mare Adriatico, da anni frequenta le acque dolci del Trentino e dintorni: divulga la pesca a spinning, al colpo, il ledgering e la trota lago. È un pescatore poliedrico, ambizioso, audace, amante delle sfide. Comunica attraverso la scrittura, la fotografia e i social network. Inoltre vanta collaborazioni passate con PescareOnline, I Segreti dei Pescatori, Pescare, il Pescatore d'acqua dolce e realtà aziendali italiane e internazionali come Trabucco, Decathlon Italia (marchio Caperlan), Rizov, Cogitech, Piscor, Sport Sile. Infine è top contributor per il blog di Pescaloccasione.

Itinerari consigliati

I migliori itinerari dall'archivio di Pescanet