Il carpodromo del Parco Santa Barbara a Veglie

Si informano gli utenti che il lago ci risulta chiuso fino a data da destinarsi

La passione per le acque interne mi porta ad affrontare laghi e fiumi anche d'estate, lontano dalla gramigna umana che popola le coste pugliesi. Sarò nato al contrario o forse in un'altra vita ero figlio di qualche carpa, fatto sta che cerco sempre qualcosa di nuovo dove testare la pesca a feeder e la classica passata. Mesi fa, l'amico Giuseppe de Medio, referente di Pescanet in Salento, raccontava sul forum dell'imminente apertura di un carpodromo a Veglie, in provincia di Lecce. Un carpodromo in Salento! Si, un vero e proprio carpodromo in Salento. Le prime foto avevano messo in moto una serie di interrogativi, curiosità e speranze per un nuovo centro attrezzato dedicato alla pesca sportiva nella cara amata Puglia. Successivamente, in tarda primavera, il carpodromo è divenuto operativo ed ha visto la sua inaugurazione ufficiale. Oggi ci troviamo a presentarlo al pubblico di Pescanet dopo averlo provato nella prima domenica di Luglio, assieme a Emanuele e Piero, carissimi amici del Pescanet Team.



Il primo carpodromo del Salento. Credo di poter asserire, senza timore di smentita, che il laghetto del Parco Santa Barbara a Veglie sia il primo carpodromo del Salento. Il Parco non è solo pesca: piscine per adulti e bambini, idromassaggio, area mini-golf, piccoli kart, altalene e giochi vari, bar e zona karaoke. Chi vuole approfondire può anche visitare il profilo Facebook. Un fantastico complesso dedicato a chi vuole vivere un'intera giornata nel pieno divertimento, senza doversi necessariamente recare al mare, tra caos, traffico e difficoltà varie. Il laghetto è di piccole dimensioni ma può ospitare fino a 30/35 concorrenti. La profondità massima è di 2 metri e le sponde sono ben regolari. Alcuni noteranno la presenza di canneti: la direzione sta provvedendo all'eliminazione, sia mediante l'immissione di amur, sia con una bonifica manuale. Occorre solo aspettare che il terreno del lago si stabilizzi nel giro di qualche mese, poi sarà tutto completo. In autunno e inverno il Parco Santa Barbara di Veglie resterà aperto anche per la pesca. Il gestore, il sig. Giovanni, assicura che vi sarà sempre massima attenzione verso la disciplina della pesca sportiva. Non mancheremo di affrontarlo nella stagione fredda, magari a roubaisienne o sempre a fondo, con la tecnica del ledgering.



Carpe di piccola e media taglia. La prima "semina" di pesce ha visto l'immissione di carpe che vanno dai 250 grammi fino ai tre chilogrammi. Si tratta di carpe a specchi che iniziano a familiarizzare con l'ambiente circostante. C'è anche una dozzina di pesci gatto che, però, non sono stati catturati durante l'ultima sessione di pesca. Le prede rispondono molto bene sia alla pesca a fondo con ledgering e pasturatore, sia a bolognese con grammature leggere. L'esca è vista quasi come un dono del cielo. Non si lasciano pregare e aggrediscono i chicchi di mais con assoluta convinzione. Nei prossimi mesi il sig. Giovanni promette l'immissione di carassi e carpe comuni, sia per diversificare l'ambiente, sia per accrescere le potenzialità del laghetto durante il periodo più freddo.



Il laghetto promette bene. Nei due turni di pesca, mattutino e pomeridiano, ho pescato in modo differente. Ho scelto di applicare dapprima il ledgering, poi la bolognese. Credo di aver totalizzato quasi 50 pesci di piccola e media dimensione, con qualche punta che superava il chilo. Molti sono nella nassa ma altrettanti li ho subito rilasciati perchè credo che in questi ambienti occorre dare immediatamente la libertà al pesce, senza che lo si imprigioni nel retino. Piero ed Emanuele hanno provato sia la pesca a canna fissa, sia la bolognese classica. Li ho visti davvero entusiasti infatti sembravano tornati bambini, perchè una pescata così è veramente impossibile in mare. Il bello delle acque interne è proprio questo: pesce in abbondanza dove fare tanta palestra e sperimentare qualcosa di nuovo ad ogni uscita di pesca. Il Lago Santa Barbara è di sicuro uno spot da visitare e lo consigliamo a tutti, dai turisti in vacanza in Salento a chi vuole pescare senza rinunciare alla famiglia al seguito.

Altre informazioni utili:

Viabilità: Percorrendo la SS605 tra Veglie e Salice Salentino, troveremo l'indicazione stradale che ci porta al Parco Santa Barbara.

Costo e tesseramento: L'intera giornata di pesca ha un costo di 10€, previo tesseramento che si effettua presso la direzione.

Marco de Biase

Marco de Biase

Direttore di Pescanet e di Pescare in Trentino. Classe 1983, vive da diversi anni nel Nord Italia occupandosi di marketing digitale. Dopo una lunga esperienza nelle acque pugliesi dell'Adriatico, frequenta da tempo gli spot del Trentino, Veneto e Lombardia. È un pescatore esperto, audace, amante delle sfide. Comunica attraverso la scrittura, la fotografia e i social network seguiti da più di ventimila followers. È autore di due romanzi d'amore e pesca, oltre ad essere poliedrico collaboratore di riviste cartacee, aziende e blog di settore.

Itinerari consigliati

I migliori itinerari dall'archivio di Pescanet