I Piombi Fonderia Roma Made in Italy
facebook
instagram
twitter
youtube
LUG
06

I Piombi Fonderia Roma Made in Italy

Una delle tecniche più adottate per la pesca è il surfcasting che prevede il lancio a grande distanza di esca e piombo dalla riva. Ciò che sfugge a molti è che questa particolare tecnica è arrivata nel Belpaese solo negli anni ’80, quando alcuni pescatori provarono a riadattare (con successo) alcune metodologie di pesca statunitensi.

È, infatti, dagli USA che proviene il surfcasting ed è la tecnica impiegata per la pesca sulle acque dell’Oceano Atlantico che è stata riadattata e sperimentata sui mari italiani. Pare infatti che i primi test vennero condotti in Sardegna, regione che risulta prestarsi egregiamente per questa tipologia di pesca.

Esistono ovviamente delle affinità tra il surfcasting americano e quello italiano. Trattandosi di una tecnica strettamente collegata alle onde, in assenza di queste, naturalmente non c’è battuta. Sarà solo merito del pescatore perciò interpretare le acque e capire se le condizioni siano propizie per un’uscita.

Ad ogni modo, come ci si poteva aspettare, esistono anche altre tecniche, figlie del surfcasting e che però non dipendono dalle condizioni naturali.

Ma, in generale, quando il mare è un po’ più agitato cosa può concorrere ad una buona battuta? In questo articolo, ci occuperemo anche dei piombi da pesca, strumenti tanto semplici quanto essenziali. Nello specifico, perciò ci concentreremo su uno dei piombi storici, non solo usato per la pesca da surfcasting bensì per diverse tipologie. Si tratta del piombo a pera con foro passante della Fonderia Roma, un articolo che viene prodotto con macchinari automatizzati in diverse grammature.

Avviata dai coniugi Angelo e Mirella l’azienda Fonderia Roma vide il suo exploit a seguito della partecipazione alla fiera nautica di Genova che concorse ad una costante crescita della domanda, talmente importante da influire sulle dimensioni aziendali.

Tanto le canne quanto i piombi sono numerosi gli articoli a disposizione del pescatore. Non resta che scegliere quello che maggiormente si confà alle proprie necessità.

NEWS RECENTI
A pesca di cefalopodi

A pesca di cefalopodi

Le totanare sono uno strumento immancabile per qualunque pescatore interessato alla cattura di cefalopodi. Seppie, Calamari e Totani sono tutti molluschi marini che possono essere insidiati solo mediante l’utilizzo di questa esca artificiale, prodotta principalmente per due tipi di pesca: in verticale e dalla barca. Tra le totanare più impiegate le Egi, che imitano le fattezze del gambero. Sono piombate sulla testa per far sì che sia proprio questa parte del corpo ad andare verso il basso e dunque trarre in inganno il predatore, che il pescatore sta cercando di insidiare. Come scritto in precedenza,  sono principalmente tre i cefalopodi oggetto di questa pratica di pesca: seppie, calamari e totani. Per la pesca di seppie, si utilizzeranno totanare con un peso maggiore. Le seppie infatti sono molluschi che si nutrono sui fondali marini pertanto le esche dovranno andare ad agire in
CC Moore Krill Micromass

CC Moore Krill Micromass

Tra tutte le tecniche, una delle più giovani è la pesca feeder, affermatasi negli anni sessanta in Inghilterra, che deve la sua popolarità al suo carattere versatile. Può infatti essere praticata su qualsiasi fondale (che sia esso marino o lagunare). Le prede dei pescatori che praticano il feeder fishing sono tutti quei pesci che vivono in acque melmose, laddove riescono a nutrirsi sul fondo di questi specchi d’acqua. Che siano fiumi o insenature, laghi o laghetti artificiali, cali, porti o insenature, la pesca feeder trova il suo spazio agilmente riscuotendo notevole successo. Ma su cosa si basa questa particolare tecnica di pesca? Sicuramente ad avere fondamentale importanza è l’impiego delle
Pesca sul ghiaccio, avventura da non sottovalutare

Pesca sul ghiaccio, avventura da non sottovalutare

Nei periodi invernali soprattutto nei mesi molto freddi come gennaio e febbraio la pesca sul ghiaccio potrebbe diventare una valida alternativa per chi è abituato a pescare in corsi d’acqua e laghi non artificiali, ma attenzione la preparazione e le prede potrebbero cambiare. Stiamo assistendo ad un rapido cambiamento climatico e le stagioni stanno estremizzando le loro caratteristiche: estati sempre più calde ed afose e inverni sempre più rigidi e secchi. Per i pescatori appassionati alla pesca nei corsi d’acqua o nei laghi non artificiali il periodo invernale, come quello che si sta verificando in Italia in queste ore, potrebbe metterlo davanti a specchi d’acqua ghiacciati e limitarne le possibilità di pesca. Se andiamo nel nord europa in paesi come la Norvegia, la Finlandia, la Svezia o la Lettonia la pesca sul ghiaccio è praticata per moltissimi mesi all’anno. Andiamo a vedere come si pesca su ghiaccio,
TOP
Per contatti: info@pescanet.it - Privacy Policy - C.F. DBSMRC83B05L109F