Tubertini AP Power
facebook
instagram
twitter
youtube
GIU
11

Tubertini AP Power

Parlare di attrezzatura giusta per la pesca spinning non è semplice nel senso che è una tecnica che include un più largo range di tipologie di pesca: eging, light game, popping, off shore solo per citarne alcune.

Quindi per scegliere gli strumenti giusti occorre dapprima ristringere il cerchio alla tecnica di riferimento e poi guardare alle caratteristiche dell’ambiente dove si eserciterà l’azione di pesca, senza escludere di certo, i gusti e le esigenze prettamente personali.

Più precisamente, nella rubrica del giorno vogliamo porgere uno sguardo più approfondito al ruolo dei mulinelli spinning.

È una tecnica di pesca che mette a dura prova gli strumenti adoperati, vuoi per il continuo stress a cui sono sottoposti, vuoi per la gestione degli artificiali. È dunque fondamentale affidarsi a mulinelli di qualità, dotati di tecnologie innovative e di ingranaggi ben fluidi per assicurare il perfetto scorrimento del filo.

Per quanto riguarda il recupero occorre che vada dal medio al veloce in modo che la canna mantenga perfettamente il contatto con l’esca nella fase di discesa.

In commercio possiamo ammirare una selezione infinita di mulinelli progettati per lo spinning.

 

Ma ci teniamo a spendere una parola sul Tubertini AP Power, un mulinello che in un’estetica completamente innovativa, racchiude una potenza ed un’energia perfette per lo spinning pesante o per tutte quelle tecniche dove resistenza e affidabilità sono imperative.

Nasce da una stretta collaborazione tra Ryobi e Tubertini ed il risultato è semplicemente mozzafiato!

Rispetto ai modelli analoghi, si vede privare della leva anti-reverse, ritenuta dai suoi progettatori, un ingombro e un peso superfluo: ciò per alleggerire la lotta contro i pesci più ardui. Ed in più, sempre allo stesso scopo, vede aumentare la dimensione degli ingranaggi.

Una pratica manovella ergonomica color arancione contrasta il corpo compatto color azzurro cielo e ne completa l’eccellenza sia in termini tecnici che prettamente estetici.

Mettetelo alla prova, non ve ne pentirete!

NEWS RECENTI
A pesca di cefalopodi

A pesca di cefalopodi

Le totanare sono uno strumento immancabile per qualunque pescatore interessato alla cattura di cefalopodi. Seppie, Calamari e Totani sono tutti molluschi marini che possono essere insidiati solo mediante l’utilizzo di questa esca artificiale, prodotta principalmente per due tipi di pesca: in verticale e dalla barca. Tra le totanare più impiegate le Egi, che imitano le fattezze del gambero. Sono piombate sulla testa per far sì che sia proprio questa parte del corpo ad andare verso il basso e dunque trarre in inganno il predatore, che il pescatore sta cercando di insidiare. Come scritto in precedenza,  sono principalmente tre i cefalopodi oggetto di questa pratica di pesca: seppie, calamari e totani. Per la pesca di seppie, si utilizzeranno totanare con un peso maggiore. Le seppie infatti sono molluschi che si nutrono sui fondali marini pertanto le esche dovranno andare ad agire in
CC Moore Krill Micromass

CC Moore Krill Micromass

Tra tutte le tecniche, una delle più giovani è la pesca feeder, affermatasi negli anni sessanta in Inghilterra, che deve la sua popolarità al suo carattere versatile. Può infatti essere praticata su qualsiasi fondale (che sia esso marino o lagunare). Le prede dei pescatori che praticano il feeder fishing sono tutti quei pesci che vivono in acque melmose, laddove riescono a nutrirsi sul fondo di questi specchi d’acqua. Che siano fiumi o insenature, laghi o laghetti artificiali, cali, porti o insenature, la pesca feeder trova il suo spazio agilmente riscuotendo notevole successo. Ma su cosa si basa questa particolare tecnica di pesca? Sicuramente ad avere fondamentale importanza è l’impiego delle
Pesca sul ghiaccio, avventura da non sottovalutare

Pesca sul ghiaccio, avventura da non sottovalutare

Nei periodi invernali soprattutto nei mesi molto freddi come gennaio e febbraio la pesca sul ghiaccio potrebbe diventare una valida alternativa per chi è abituato a pescare in corsi d’acqua e laghi non artificiali, ma attenzione la preparazione e le prede potrebbero cambiare. Stiamo assistendo ad un rapido cambiamento climatico e le stagioni stanno estremizzando le loro caratteristiche: estati sempre più calde ed afose e inverni sempre più rigidi e secchi. Per i pescatori appassionati alla pesca nei corsi d’acqua o nei laghi non artificiali il periodo invernale, come quello che si sta verificando in Italia in queste ore, potrebbe metterlo davanti a specchi d’acqua ghiacciati e limitarne le possibilità di pesca. Se andiamo nel nord europa in paesi come la Norvegia, la Finlandia, la Svezia o la Lettonia la pesca sul ghiaccio è praticata per moltissimi mesi all’anno. Andiamo a vedere come si pesca su ghiaccio,
TOP
Per contatti: info@pescanet.it - Privacy Policy - C.F. DBSMRC83B05L109F