Il Lago delle Buse in Trentino
facebook
instagram
twitter
youtube

Il Lago delle Buse in Trentino

Anni fa, durante una domenica di giugno, ebbi la fortuna di partecipare come reporter ad una manifestazione per bambini, chiamata "festa del giovane pescatore". Grazie all'evento, venni a contatto con un magnifico laghetto di montagna, molto ricco di verde e colmo di belle trote. I concorrenti, bambini e ragazzi, mi impressionarono per l'ottima quantità e la stupefacente qualità delle prede portate a guadino. Trote iridee, di tutte le taglie, in ottima salute, che rispondevano molto bene agli stimoli dei provetti garisti. Al termine della manifestazione, dopo aver scattato più di 50 pose con pesce in mano, lasciai il laghetto con una tacita promessa: prima o poi ci avrei pescato, e non sarei tornato a casa a mani vuote. Di quale lago parlo? Semplice! Oggi vi presento il Lago delle Buse a Brusago, in Trentino. La sua fama, assolutamente positiva, merita un itinerario specifico su Pescanet. Ne ho approfittato durante un weekend di settembre, complice l'abbassamento delle temperature, che non ha assolutamente ridotto l'attività delle trote, anzi... le ha rese affamate e decisamente combattive.

 

Il laghetto delle Buse a Brusago. Dopo aver raggiunto l’altopiano di Pinè ed aver superato il lago delle Piazze, arriviamo a Brusago. Il paese sorge a circa 1.000 metri di altitudine, tra le montagne del Trentino, a pochi chilometri da Cavalese. Brusago è una località molto graziosa e vanta la presenza di un meraviglioso laghetto di montagna, ricco di trote e ben gestito dalla APDT di Trento. Il Lago delle Buse (alcuni lo chiamano anche laghetto), è uno specchio d’acqua particolarmente pittoresco, di piccole dimensioni, a pochi passi da Brusago. Ha una forma rettangolare, ed è diviso in due da un lembo di terra che genera una porzione di lago più grande e una più piccola.

Ha una profondità che varia a seconda del periodo: da mezzo metro durante le secche del torrente che lo alimenta, fino a raggiungere anche il metro nei punti più alti, con maggiore entrata di acqua. Le sponde sono particolarmente comode, curate, decisamente regolari. C’è anche una piccola pineta che offre ombra e protezione dal sole, un bar/ristoro e un percorso a piedi che consente di fare una piacevole passeggiata immersi nella natura. Le acque sono fredde, quindi l’unico pesce che popola il laghetto è la trota iridea e qualche esemplare di fario, sempre di immissione. La pressione di pesca è alta nei fine settimana dopo la semina, mentre si riduce in settimana.

 

Regolamento. La pesca al laghetto delle Buse apre solitamente a marzo e si conclude ad ottobre. L’attività segue l’andamento delle semine effettuate dalla APDT di Trento (solitamente ogni 2 settimane, il venerdì non festivo). Si può pescare con esche naturali come camola e lombrico, pastelle, mentre è vietata la pesca con esche metalliche e col bigattino. Le tecniche praticabili, quindi, sono la trota lago e la pesca a mosca. Si possono sopprimere fino a 4 trote al giorno, altrimenti bisogna pescare in modalità no-kill, avendo la massima cura per il pescato. Il permesso giornaliero ha un costo di 12€. I soci APDT possono frequentare il lago 1 volta al sabato o alla domenica, più ulteriori 3 volte a settimana.  La pesca è vietata il venerdì non festivo. Attenzione al segnare la cattura delle trote dopo averle riposte nel cestino: i controlli sono presenti, c’è sempre un guardiapesca attivo e fioccano anche le multe, ovviamente in caso di mancato adempimento delle regole del permesso. Vi dico questo perchè, più volte, il permesso mi è stato controllato dalle autorità competenti e ho assistito inoltre a spiacevoli contestazioni nei confronti di pescatori indisciplinati.

 

Come pescare al Lago delle Buse. Gli amanti della trota lago hanno pane per i propri denti. Ci sono due possibilità: trota lago con piombino e vetrino, oppure galleggiantino o penna. Pescando a tremarella, recuperando il piombino o il vetrino, avremo sicuramente maggiori possibilità nei confronti di trote aggressive, di semina recente (solitamente si comportano così il sabato mattina). Impiegando il galleggiante o la penna, effettueremo una pescata molto più tranquilla, più statica, che allungherà i tempi, ma farà sentire meno il limite delle 4 trote imposte dal regolamento. Personalmente preferisco questa variante al classico vetrino e piombino: sia perchè rendo un po’ più difficile la pescata di trote fameliche, che si lancerebbero su qualsiasi esca, sia perchè il laghetto ben si presta ad un’interpretazione da acque stagnanti (con bolognese e galleggiante). Durante la realizzazione del servizio fotografico, il sottoscritto ha pescato a recupero, mentre l'amico Giovanni ha preferito dilettarsi a galleggiante. Abbiamo "fatto il pieno" con 4 pezzi ciascuno in un’oretta circa di pesca (slamate incluse). Le trote si sono dapprima posizionate a centro lago, poi si sono avvicinate a riva, imponendo un cambio di strategia che però ha dato i suoi frutti.

Al prossimo itinerario, sempre su Pescanet!

Associazione di riferimento: APDT Trento Via del Ponte 2 a Ravina (TN). Telefono: 0461/930093, email: info@apdt.it

Obbligatoria la licenza di tipo B.
Autore

Marco de Biase

Direttore di Pescanet e di Pescare in Trentino.it . Classe 1983, coniugato, pugliese d'origine ma vive a Trento. Nella vita si occupa di Digital Marketing al servizio di un'importante società di marketing e comunicazione trentina. Dopo una lunga esperienza in mare, adesso frequenta le acque dolci del Trentino e dintorni, divulgando la pesca a spinning, al colpo, il ledgering e la trota lago. È un pescatore e fotografo poliedrico, ambizioso, audace, amante delle sfide. Vanta collaborazioni passate con le riviste "I Segreti dei Pescatori", Pescare, il Pescatore d'Acqua dolce e Pescareonline.
ITINERARI CONSIGLIATI
Pesca a Spinning sul Torrente Avisio in Trentino

Pesca a Spinning sul Torrente Avisio in Trentino

Mario Albertarelli è stato un giornalista di pesca che ha segnato la letteratura alieutica con romanzi, saggi e libri indimenticabili. Amava particolarmente una zona del Trentino, dove scorre un torrente che ho già raccontanto in un altro itinerario su Pescanet. Tuttavia, come si può immaginare, ogni zona ha le sue peculiarità e, man mano che un corso d'acqua percorre valli e piane, le sue caratteristiche cambiano, determinando tratti distintivi che lo rendono sempre diverso. Come se si trattasse di qualcosa di diverso, appartenente sempre allo stesso micro-cosmo. Oggi vi porto a pesca in Val di Cembra, in Trentino, sul torrente Avisio, in uno spot che porto nel cuore per il coacervo di emozioni che è riuscito a generare sin dal nostro primo incontro. Mi sono presentato in punta di piedi, ci siamo stretti la mano e mi ha invitato nella sua magione (ovviamente è tutto una metafora), presentandomi tante trotelle a pelo d'acqua, desiderose di g
Il Lago di Ledro in Trentino

Il Lago di Ledro in Trentino

Vi ricordate come pescavano i nostri genitori? O i nostri nonni? Canna fissa, esche naturali e un pesce dopo l'altro. Purtroppo, col passare del tempo, molti spot di pesca sono stati distrutti dal bracconaggio, dall'inquinamento e dall'incuranza delle associazioni; non si è saputo preservare il dono di madre natura e, spesso, il progresso ha completato un quadro di devastazione che mostra i suoi segni anche oggi. Ci sono però alcuni luoghi incantati, in alcune zone d'Italia, dove il tempo sembra essersi fermato e possono garantire una giornata di pesca immersi nel passato. Di cosa sto parlando? Semplice. Di un lago del Trentino che ho conosciuto anni fa, durante un'esplorazione estiva assieme a mio padre. Ne avevo sentito parlare spesso, per via degli eventi autunnali dedicati alla pesca alla bottatrice. Non avrei mai pensato, però, che questo lago, che risiede in un angolo meno blasonato del Trentino, mi avrebbe fatto sentire subito a casa, offrendomi una quant
Pesca in Trentino al Lago di Santa Colomba

Pesca in Trentino al Lago di Santa Colomba

Al confine tra Val di Cembra e Valsugana in Trentino sorge un grazioso specchio d’acqua di montagna. Il suo nome è Lago di Santa Colomba ed evoca qualcosa di magico, di mistico, anche di misterioso. Anni fa, durante un’esplorazione domenicale assieme a mia moglie, scopriì questo paradiso e ne rimasi particolarmente affascinato per lo scenario. Il lago offriva una visuale composta dalle montagne della Paganella, in lontananza, ed una folta foresta di conifere, più da vicino. Inoltre i riflessi sull’acqua, come testimoniato dalle foto sottostanti, erano piuttosto pittoreschi, come se fossero stati realizzati da un pittore. Più tardi ho cominciato a frequentarlo, ottenendo sempre successi, sia in fatto di pesce bianco che di trote. Oggi sono qui, a descrivervi un altro itinerario tra i tanti di Pescanet. Ma il Lago di Santa Colomba resta, e resterà, tra i miei preferiti in assoluto del Trentino.
TOP
Per contatti: info@pescanet.it - Cookie Policy Privacy Policy - C.F. DBSMRC83B05L109F