Pesca al Laghetto di Salorno in Alto Adige
facebook
instagram
twitter
youtube

Pesca al Laghetto di Salorno in Alto Adige

Tempo fa ho presentato il laghetto dell'Associazione Pescatori Bassa Atesina Salorno su Pescanet, attraverso un pezzo che raccontava la possibilità di praticare l'Area Trout in Alto Adige. Oggi, invece, colgo l'occasione per raccontarvi un'altra golosa opportunità offerta dall'Associazione. Accanto al laghetto per la pesca alla trota, sorge un grazioso specchio d'acqua. Più piccolo, di dimensioni ridotte ma con enormi potenzialità. Si tratta di un laghetto ricco di carpe, pesci gatto, carassi e scardolette. Rappresenta un esempio di ottima gestione, perchè l'Associazione si impegna nel tenerlo sempre pulito e al passo delle esigenze piscatorie, curando le sponde e assicurando anche un certo ricambio delle acque. Considerando anche la scarsità di carpodromi in Trentino-Alto Adige, il laghetto è anche una ghiotta novità per tutti coloro che preferiscono il pesce bianco. Scopriamo assieme cosa offre questo vero e proprio gioiellino!

Regolamento carpodromo e tesseramento annuale. La pesca è consentita nei periodi in cui il lago non è ghiacciato. Per quanto concerne le esche, sono consentiti mais, lombrichi, pellet. La pasturazione, invece, avviene con mais, pellet e sfarinati (ovviamente evitando di pasturare chili e chili… non ce n’è bisogno). È rigorosamente vietato il bigattino come esca e pasturazione. Lo stesso dicasi per il pane. Si pesca solo con ami senza ardiglione, per preservare l’apparato boccale dei ciprinidi che popolano lo specchio d’acqua.   Il laghetto è aperto il sabato e domenica e il permesso no-kill ha un costo di 10€ giornalieri. I tesserati, come il sottoscritto, pagano 80€ l’anno per accesso al carpodromo e ottengono anche 40 trote nel lago adiacente, da segnalare nel libretto apposito.  Inoltre, essi hanno la possibilità di frequentarlo tutti i giorni.

Come pescare in laghetto. Sono consentite tutte le principali tecniche di pesca. Personalmente l’ho affrontato a roubaisienne (come nel servizio odierno), a bolognese, all’inglese e a ledgering. Qualche pescatore ha tentato anche la pesca a mosca con risultati abbastanza positivi. Detto questo, veniamo alle caratteristiche intrinseche. Il laghetto è sviluppato in lunghezza, mentre la larghezza è limitata. La profondità varia dal metro e mezzo fino ai 3 metri e mezzo. L’insieme di queste caratteristiche implica l’impiego di canne corte, perchè non è necessario sfoderare attrezzi lunghi. La pesca si effettua solitamente sui lati più estesi, lanciando dalla parte opposta. Questa può essere raggiunta a galleggiante o a fondo. D’estate rende particolarmente bene la pesca a galla, dato che le carpe hanno l’abitudine a salire a pelo d’acqua alla ricerca di nutrimento. Nei periodi intermedi, come l’autunno e la primavera, il pesce staziona più sul fondo, e soprattutto a ridosso delle sponde, non a centro lago: quindi è da insidiare all’inglese, a bolognese oppure a ledgering. La taglia delle carpe è medio-piccola, ma ci sono alcuni esemplari di peso interessante, che mettono in difficoltà perchè sprigionano una forza intensa e decisa.  

Vi aspettiamo! Da tempo cercavo un laghetto a meno di mezz'ora di auto da casa. Comodo, ben frequentato e con tanto pesce. Il sogno si è finalmente realizzato. Durante la scorsa estate l'ho frequentato anche due volte a settimana, provando molteplici varianti della pesca al colpo e ne sono rimasto sempre più che soddisfatto. Inoltre, dopo anni di  stop, ho ripreso a pescare con la roubaisienne e ciò è sicuramente dettato dal desiderio di fare "palestra" in carpodromo, come fanno tanti dei lettori di Pescanet. Il mio invito è a provare il laghetto dell'Associazione Pescatori Bassa Atesina Salorno, almeno una volta, d'estate o in primavera ed autunno. Quando preferite! Inoltre per i trentini o altoatesini vicini a Salorno, consiglio di farvi visita ed iscrivervi all'Associazione. Non è solo un luogo dove pescare, ma un ritrovo tra amici pescatori, che vogliono condividere la passione per una disciplina che si trasforma anche in una fonte di aggregazione sociale.

Arrivederci al laghetto!

Per maggiori informazioni contattare la presidente dell'Associazione, Silvia Calia - tel. 348 7401063, oppure iscrivetevi al gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/1715032102094172/

Come arrivare: il laghetto si trova nei pressi di Lido Salorno. Un cartello sulla strada indica la via da percorrere.
Autore

Marco de Biase

Direttore di Pescanet, classe 1983. Pugliese d'origine ma vive a Trento. Nella vita è Digital Avertising Specialist - Certificato Google e Facebook al servizio di Archimede, società di marketing e comunicazione. Dopo una lunga esperienza in mare, adesso frequenta le acque dolci del Trentino e dintorni, divulgando la pesca al colpo, il ledgering, lo spinning e la trota lago. Pescatore e fotografo poliedrico, ambizioso, audace, amante delle sfide. Vanta collaborazioni passate con le riviste "I Segreti dei Pescatori" e Pescareonline.
ITINERARI CONSIGLIATI
Area Trout al Laghetto di Salorno

Area Trout al Laghetto di Salorno

L'Area Trout è una disciplina di origine nipponica che sta prendendo sempre più piede in Italia. Diverse case produttrici di attrezzature per la pesca sportiva hanno aggiornato i propri cataloghi con canne, mulinelli, monofili, artificiali ed accessori per l'Area Trout. Al tempo stesso, negli ultimi mesi, molti laghetti italiani hanno subito un processo di trasformazione, che li ha portati ad aprirsi all'Area Trout per far fronte alla clientela crescente che vuole praticare una nuova esilarante variante dello spinning in acqua dolce. Oggi ho il piacere di presentarvi, in esclusiva assoluta su Pescanet, il primo laghetto di Area Trout dell'Alto Adige, gestito dall'Associazione Pescatori Bassa Atesina Salorno. Durante le festività di Ognissanti, i ragazzi dell'Associazione hanno aperto le porte del laghetto alla mia curiosità ed è nato un servizio fotografico che testimonia la vocazione dell'impianto per l'Area Trout.
Il Lago del Conte a Settequerce

Il Lago del Conte a Settequerce

Il tempo bizzarro dell'attuale primavera impone pause forzate durante i fine settimana. Dal Lunedì al Venerdì c'è sempre bel tempo ma poi, quasi per farci uno scherzo, il sabato inizia a guastarsi e la domenica piove. Cosa fare? Rinchiudersi in un centro commerciale? Piangersi addosso e passare la domenica dinanzi alla TV? La voglia di pesca è sempre ai massimi livelli e, se il meteo non permette di uscire nelle acque libere, è bene cercare diversivi. Non c'è bisogno di macinare chilometri ma rivalutare oasi di pesca talvolta snobbate perchè considerate "troppo facili" o, peggio, "da pensionati". Molto spesso si parla per sentito dire ma posso assicurarvi che la pesca è bella ovunque, perchè ogni spot ha le sue regole, i suoi pregi e magari anche qualche difetto. In Alto Adige c'è veramente di tutto: laghi, fiumi e torrenti. Le acque private del Südtirol sono pressochè sconosciu
Il laghetto di Bronzolo

Il laghetto di Bronzolo

Il mio primo approccio con le acque dell’Alto Adige risale al 2013. Durante una permanenza di alcuni giorni a Trento, ebbi modo di incontrare Davide Manocchio, socio di Pescanet e assiduo frequentatore di un laghetto alle porte di Bolzano. Non conoscendo la realtà della pesca in Alto Adige, mantenni per diverse settimane una copiosa corrispondenza con Davide, perché volevo comprendere quali fossero le realtà di una terra che per me era ancora sconosciuta. Nei suoi racconti evincevo tanta voglia di condividere un’avventura in un piccolo specchio d’acqua ricco di carpe, amur, storioni e pesci gatto di ottime dimensioni. “Ti devo portare assolutamente lì…” mi diceva e la cosa mi emozionava perché mi nascondeva un vero e proprio paradiso per gli amanti del feeder e non solo. Qualche mese più tardi ho vissuto in prima persona una duplice esperienza di pesca al Laghetto di Bronzolo, colle
TOP
Per contatti: info@pescanet.it - Privacy Policy - C.F. DBSMRC83B05L109F