Pesca a trota lago con le esche siliconiche
facebook
instagram
twitter
youtube

Pesca a trota lago con le esche siliconiche

Prima o poi, tutti coloro che pescano a trota lago, innescano (o innescheranno) un'esca siliconica. Ne sono certo, anzi posso scommettermi quello che volete. In commercio c'è veramente l'imbarazzo della scelta: jig multicolore, jig bianchi, spaghetti (chiamati anche frullini), vermicelli. Insomma, esche nate per lo spinning ultraleggero, e introdotte nella trota lago per il panorama amatoriale perchè, in gara, sono assolutamente vietate. Queste esche, talvolta micidiali e risolutive, rivestono un ruolo assolutamente importante nel bagaglio tecnico del pescatore per diletto. Non dovrebbero mai mancare nella cassetta del pescatore, come non dovrebbero mai mancare le pastelle (altra esca descritta in un altro articolo sul sito). Scopriamo assieme di cosa si tratta!

 

Esche siliconiche per tutti i gusti

La pesca con le esche di gomma (o siliconiche) nello spinning è un dato di fatto. Circa 10 o forse 15 anni fa, sono comparsi i primi jig e spaghetti, che hanno incontrato anche l'evoluzione di esche più innovative, sempre più simili a quelle naturali o ibridi: camole, caimani e vermi non solo naturali, ma al giorno d'oggi è possibile comprarli nella variante artificiale in molteplici colori, misure e fragranze. In foto, per esempio, mostro il "bruco", alcuni falcetti della Vincent e vari "frullini" sempre a marchio Vincent. Tornando alle esche, il mercato è andato avanti tecnologicamente, ma ha soppiantato le varianti originali, bensì negli ultimi tempi c'è una forte determinazione nell'usare le esche siliconiche. Probabilmente perchè le trote sono in una fase di evoluzione della specie, quindi non basta più lavorare di esche naturali, ma bisogna tentare con alternative che stimolino l'appetito dei pesci. Specie nella pesca di ricerca, quando bisogna individuarle dopo la semina, il loro contributo è imbattibile: non c'è trota che resista al movimento di queste esche.

 

Come innescare spaghetti, falcetti, jigs

Gli spaghetti sono dei vermicelli in morbido silicone di 3/5 centimetri, dai colori più disparati. Molti li chiamano falcetti, ma poco cambia nella pratica. Sono tra le prime esche apparse sul mercato negli anni '90, che però hanno subito migliorie durante l'evoluzione della trota lago, avvenuta tra il 2007 e il 2010. Se ben innescati, possono risultare facili da usare e molto catturanti specie d'inverno, con trote appena seminate o a pelo d'acqua, con atteggiamento curioso. Durano parecchio, sono pratici da conservare e non costano molto, se consideriamo il fatto che possono essere anche riutilizzati dopo la cattura. Ci sono poi i falcetti veri e propri, quelli che presentano una bombatura nella parte alta e una coda che, in fase di recupero, scondinzola a meraviglia, risvegliando l'istinto predatorio delle trote. Sono i miei preferiti e li uso spesso d'estate, quando le trote sono al massimo della loro aggressività.

L'innesco è importante!

Le esche siliconiche vanno acquistate in diverse misure per essere innescate su ami di dimensioni variabili. Se troppo lunghe, potranno anche essere tagliate con le forbici, sagomandole correttamente. Nel caso del falcetto, sono solito far passare l'amo e il terminale dalla testa, e mi fermo mezzo centimetro prima dell'unione tra corpo dell'esca e coda. Provate anche voi! Nel caso dello spaghetto (o bruco), l'innesco è molto semplice: bisogna far passare l'amo all'interno della parte più spessa, muovendolo proprio a ridosso della coda (bastano 5 mm di scarto), che dovrà essere libera di muoversi e vibrare in fase di trazione. Se doveste impiegare imitazioni di camole o caimani, vermi di gomma e altre imitazioni, innescatele come se fossero esche vere: atttraversatele da parte a parte e posizionatele seguendo la curvatura dell'amo, fino ad arrivare alla paletta. 

 

Amo senza paletta e con gambo lungo

Un grande campione della trota lago mi ha insegnato due trucchi. Il primo è quello dell'amo con la legatura valesiana, senza paletta. Ciò determina un più facile cambio dell'esca e, soprattutto, una minore usura della stessa durante la penetrazione con l'amo. Il secondo, invece, riguarda la forma degli ami. In negozio ci sono ami a gambo lungo e gambo corto, storto, nichelato, ecc. È importante acquistare ami con gambo molto lungo, con curvatura abbastanza pronunciata, che consentono di effettuare inneschi a regola d'arte e pungere il pesce che, in qualche modo, potrebbe accorgersi che l'esca è finta, anzichè naturale. Per ovviare a questo inconveniente, potreste acquistare esche siliconiche (camole finte della Berkley o similari) aromatizzate al pesce. Rilasciano una scia apetizzante che mantiene alta l'attenzione delle iridee e non sanno farne a meno.

Buon divertimento!

Autore

Marco de Biase

Direttore di Pescanet e di Pescare in Trentino.it . Classe 1983, coniugato, pugliese d'origine ma vive a Trento. Nella vita si occupa di Digital Marketing al servizio di un'importante società di marketing e comunicazione trentina. Dopo una lunga esperienza in mare, adesso frequenta le acque dolci del Trentino e dintorni, divulgando la pesca a spinning, al colpo, il ledgering e la trota lago. È un pescatore e fotografo poliedrico, ambizioso, audace, amante delle sfide. Vanta collaborazioni passate con le riviste "I Segreti dei Pescatori", Pescare, il Pescatore d'Acqua dolce e Pescareonline.
ARTICOLI CONSIGLIATI
Pesca a trota lago con la pastella

Pesca a trota lago con la pastella

La pastella o la pastina da trota è un’esca entrata nel bagaglio di tanti pescatori che si dilettano in laghetto. Merita sicuramente un approfondimento, perchè spesso è impiegata in vari contesti ma i risultati possono variare a seconda degli inneschi, dei colori, delle specifiche dell’esca stessa. E’ molto conosciuta tra dilettanti e agonisti, è impiegata pressochè ovunque, ma è vietata in gara, alla pari delle esche in gomma. Quasi tutti i pescatori di trota lago l’hanno provata, hanno acquistato uno o più barattoli e hanno sperimentato anche le diverse colorazione. E’ un’alternativa alla classica camola, al lombrico, al caimano, e stimola la curiosità di pescatori (e anche delle trote) perchè molto spesso, quando le trote sono apatiche e non voglion
Pesca a trota lago col vetrino

Pesca a trota lago col vetrino

Negli ultimi anni, l’evoluzione tecnica della trota lago ha spinto le case costruttrici a realizzare canne sempre più sensibili, telescopiche o in tre pezzi, mulinelli con bobine larghe che facilitano i lanci, esche sempre più micidiali, sia pastelle, sia “falcetti”, grub o imitazione di camole. E le zavorre? Anche per esse, la sperimentazione non ha conosciuto momenti di stop. Sono state introdotte migliorie sia nei materiali, sia nelle forme, per cercare di migliorare le pescate di tutti, dall’agonista all’amatore. Se non l’avete ancora capito, sto parlando del vetrino, immancabile protagonista di ogni battuta di pesca a trota lago.   Cos’è
Trota lago con galleggiante, penna e pallina

Trota lago con galleggiante, penna e pallina

La pesca a trota lago è stata per anni una tecnica di velocità e coordinazione di movimenti. Ciò è dovuto al concetto principale, ovvero la tremarella, che ha fatto da padrone per anni ed anni. Tuttavia, dopo un primo momento di "esaltazione" della velocità, c'è stato un ritorno graduale alla lentezza: ecco che, vuoi per necessità, vuoi per reale efficacia, in tanti hanno abbandonato vetrino e piombino per darsi, invece a galleggianti (chiamati anche "tappo"), penne e palline. Le motivazioni che hanno portato al cambiamento sono molteplici. Innanzitutto la presenza di trote iridee di taglia superiore ai 200 grammi nei laghetti. Ciò è dovuto alle scelte dei gestori, che ottengono prezzi più bassi rispetto alle trote di taglia inferiore tipiche da gara (1 etto), ma soprattutto alle esigenze manifestate dai pescatori, desiderosi di portare
TOP
Per contatti: info@pescanet.it - Privacy Policy - C.F. DBSMRC83B05L109F