L’esca giusta per la pesca a surfcasting
facebook
instagram
twitter
youtube

L’esca giusta per la pesca a surfcasting

È uno dei fattori più importanti della pesca surfcasting. In molte situazioni però, per effettuare un innesco efficace, è importante conoscere le abitudini alimentari dei pesci. Per raggiungere ottimi risultati, specialmente quando si tratta di pesci di taglia, è necessario impiegare inneschi ben scelti e curati. Saper scegliere l’innesco adatto, grazie alla conoscenza delle abitudini dei pesci, regala al pescatore grandi soddisfazioni. Quindi capire cos’è meglio proporre per indurli ad abboccare, sono nozioni che stanno alla base della tecnica del surfcasting. Ogni luogo, ogni situazione, avrà sicuramente una storia propria, ma esistono dei concetti generali in grado di aiutarci non poco nella scelta dell’esca giusta, in modo da avere dei riferimenti abbastanza chiari in un contesto così vasto quale è quella delle insidie utilizzabili nella pesca dalla spiaggia. Come ben sappiamo l'esca è la parte finale della nostra attrezzatura ma non dobbiamo dimenticare che è necessario avere anche il resto del materiale adatta come le canne da surfcasting e i mulinelli da surfcasting.

 

Vermi. Sicuramente questi sono uno delle esche più utilizzate in assoluto e hanno praticamente scritto la storia (a merito e a torto) del surf casting moderno, rivoluzionando nel vero senso della parola le abitudini di pesci e dei pescatori. La facilità nel trovarli, nell’utillizzo e la grande appetibilità alle prede , hanno creato una sorta di monopolio, anche psicologico, che se da un lato ha rappresentato un bene per la disciplina , dall’altro ci ha fatto dimenticare che a volte osare con piu continuita utilizzando bocconi piu consistenti potrebbe portare alla cattura di qualche grossa preda in più.

Crostacei e molluschi. Queste sono considerate da molti pescatori un’alternativa, ma si presentano come una scelta molto adatta per riuscire a catturare grosse prede. A questa categoria appartengono la cozza, i granchi, il cannolicchio, i paguri e il murice. Sono esche molto resistenti, e adette alle tecniche tipicamente di attesa o durante le forti mareggiate quando i granelli di sabbia svolgono una deleteria azione abrasiva. Quando si dice esca grande pesca grande, nel surfcasting, è molto appropriato quando utilizziamo questo tipo di esca. Chiaramente bisogna tentare e alcune volte osare per riuscire a catturare pesci di grossa taglia. Se si tenta la grande spigola, la leccia, il grongo da trofeo, dobbiamo obbligatoriamente ricorrere alle regole classiche, quindi il grande innesco come cefalopodi interi a tranci e ranci di pesce lavorato. La sardina è sicuramente una delle migliori esche, innescata intera o magari a salsicciotto rovesciato. E’ gradita a tutti i pesci, e nelle condizioni di mare mosso è opportuno avere una canna in acqua così armata. Stessa cosa vale per il calamari, interi o per le seppie, ideali per pesci di grossa taglia come ad esempio il pesce serra. Questi ultimi inoltre sembrano gradire anche i grossi tranci di muggine, che si dimostrano anch’essi molto catturanti.

 

Pesca con esca viva. L’innesco dell’esca viva si rivela spessa come l’esca adatta a grandi conquiste. Quando si pesca con il vivo bisogna fare una piccola premessa, ma la linea che si segue è pressappoco quella dei grandi inneschi. La premessa è proprio nella difficoltà nell’utilizzo, essendo non molto pratico. Tutti pesci sono idonei ed utilizzabili, dal muggine alla mormora, passando per tutte le possibili varianti intermedie. Spigole, barracuda, serra, lecce sono tutte in attesa di trovare un piccolo pesce in difficoltà per poterselo pappare senza grosse difficoltà. Se non ci credete provate…!

Autore

Marco de Biase

Direttore di Pescanet,classe 1983, pugliese d'origine ma vive a Trento. Nella vita è Digital Avertising Specialist - Partner Certificato Google al servizio di Archimede, società di marketing e comunicazione. Dopo una lunga esperienza in mare, adesso frequenta le acque dolci del Trentino e dintorni, divulgando la pesca al colpo, il ledgering, lo spinning e la trota lago. Pescatore e fotografo poliedrico, ambizioso, audace, amante delle sfide. Vanta collaborazioni passate con le riviste "I Segreti dei Pescatori" e Pescareonline.
ARTICOLI CONSIGLIATI
Lenze per la pesca a fondo in mare

Lenze per la pesca a fondo in mare

Quando un sito internet punta a divenire il vero riferimento per la pesca sportiva in mare e acque dolci deve seguire alcune linee di comportamento basilari: chiarezza dei contenuti, continuità negli aggiornamenti, linea grafica gradevole e navigabilità semplice quanto immediata. Con Pescanet abbiamo già raggiunto uno standard qualitativo molto alto. Siamo pronti a scalare la vetta ampliando l'offerta informativa approcciando il lettore verso tecniche specialistiche, come la pesca a fondo o il surf-casting. Andrea Loddo è un giovane surf-caster sardo iscritto all'Associazione Pescanet. Più volte ha contruibuito attivamente alle discussioni sul forum di Pescanet con numerosi accorgimenti per la pesca a fondo, sua vera passione. Dopo una discussione assolutamente costruttiva sulle basi della pesca a fondo, è nata l'idea condivisa di ampliare la letteratura su Pescanet attraverso una base di argomenti che incentrassero il focus sulla disciplina della PAF. Una sorta di vademecum dall
Mormore in notturna con la pesca a fondo dai moli

Mormore in notturna con la pesca a fondo dai moli

D'estate il mare si risveglia e regala a noi pescasportivi una ventata di possibilità. Non solo pesca con la bolognese, ledgering, inglese ma pesca a fondo. Si, per questa volta parliamo di pesca a fondo, mirata alla cattura di un pesce diffuso lungo la nostra penisola, amante degli anellidi. Signore e signori, la mormora! Durante una mia infruttuosa uscita in notturna a ledgering ho avuto modo di osservare in pesca un caro fan del nostro sito, Antonio, che ci farà da Cicerone per l'introduzione nel mondo delle mormore, a molti sconosciuto, familiare per altri. Nel caso della pesca in Puglia, la mormora pone dinanzi ad una distinzione tra catture effettuate a surf-casting presso litorali sabbiosi e pesca a fondo (o beach ledgering - ma non saremmo corretti) dai moli, spingendo le lenze su fondali sabbiosi. I sofismi sulla classificazione della tipologia di pesca lasciano il tempo che trovano, ciò che conta realmente è la mole di catture e la qualità di un metodo che funziona e non
TOP
Per contatti: info@pescanet.it - Privacy Policy - C.F. DBSMRC83B05L109F