Pesca alla spigola all'inglese in foce
facebook
instagram
twitter
youtube

Pesca alla spigola all'inglese in foce

Camminando sulla battigia all’alba di una fredda giornata invernale ed osservando la spiaggia, la sua conformazione, quell’onda che striscia sulle secche delineando così un percorso marino ben preciso, mi accorgo che il giusto fondale per pescare all’inglese dalla spiaggia si trova proprio alla foce di una fiumara. Non vi sono altri pescatori, tutto tace tranne l’accavallarsi della risacca, non c’è un punto preciso dove io possa posizionarmi perché rappresenta la prima volta che mi trovo in questa piccola foce. C’è corrente... utilizzare la tecnica bolognese sarebbe l’ideale, ma la mia passione è l’inglese.



Costruzione della montatura ed entrata in pesca. Esco dal fodero la mia bolognesina di 5 metri, che uso nella mia tecnica all’inglese dalla spiaggia, la apro e, senza montare il terminale, lancio il mio galleggiante di 4+1 ove intravedo che lì si possa fermare. Il mescolio delle acque è poderoso, il picco di marea bassa mi aiuta, ma devo trovare un punto in cui stare in pesca senza alcuna zavorra. L’ho trovato. Adesso posso completare la costruzione della lenza, che seguirà uno schema già visto su Pescanet ma con un'opportuna modifica. Il trave dello 0,16 sarà collegato con una girella con moschettone. Sul moschettone collegheremo il trave e ci faremo anche passare u galleggiante a penna di misura 4+1. Dall'altro capo, invece, collegheremo un terminale di 4,5 metri armato con un amo n°16 Serie 27 Tubertini. Sul terminale stringeremo due pallini, il primo a 70/80 cm dall'amo e l'altro a 70/80 cm dalla girella. La mia è una lenza per pescare fisso, con profondità standard ma può essere modificata secondo le vostre esigenze, allungando o riducendo il terminale. Innesco due bigattini, lancio le prime fiondate ed entro in attesa. Qualcosa mi fa capire che il momento magico non sarà l’alba ma un altro. Il galleggiante non accenna a muoversi, il sole è ormai già abbastanza alto in cielo, la temperatura si è alzata, tolgo il giaccone, la mia videocamera registra in attesa dello scatto poderoso in alto della canna.

Pasturazione attenta e cambio di strategia. Qualcosa deve cambiare anzi qualcosa sta cambiando. Il mio approccio al mare diventa sempre più meticoloso, vigile, l’azione di pasturazione che sto facendo dal mattino presto sembra corretta, non vedo nulla che non possa andare, sono preparato. Il mio pensiero è sul come spiaggiare una grossa regina in un punto ove la corrente non la invoglia a ripartire verso il largo. Una strategia importante è questa ogni qualvolta devo combattere un pesce che ha un peso di gran lunga superiore al carico di rottura del mio terminale in fluorocarbon. Sono passato da una fredda temperatura invernale mattutina ad una situazione forse più mite che può giocare a mio favore, la sensazione giusta che le condizioni ottimali all’abboccata stiano arrivando è sempre più fervida nel mio pensiero. Cerco qualcosa tra le mie cose pensando se sia giusto o meno cambiare qualcosa nell’assetto di pesca ma decido nel rimanere così, perché il mio istinto di predatore di emozioni mi porta a restar fermo. Un piccolo brivido mi assale continuamente in attesa dello sfogarsi sul corpo. Sta iniziando. Quel trattino rosso sulla superfice dell’acqua scende giù in fretta nel blu. Il mio braccio con forza e decisione, come se fosse il braccio di una catapulta medievale si innalza al cielo e così il mio sguardo che, un attimo dopo, si riferisce alla superficie dell’acqua perché a volte le spigole, appena allamate, scodano sull’acqua per poi dare la loro partenza. Regina in canna. Emozione ma concentrazione. Istinto e ragione.



Prima fase del combattimento con la spigola. La frizione, un suono melodico che mi fa capire che è sicuramente una bella regina. In canna riesco a sentirla. Quando si ferma le testate son convincenti. Ancora fuga, che bello è pescare all’inglese con fili sottili che ti fan provare emozioni pure, limpide. Il combattimento pari con la preda che si ha in canna. L’azione del nostro “manico” la sfruttiamo al massimo per non perdere neanche un centimetro di tenuta. L’impugnatura è salda. La tensione si fa sentire in un coinvolgersi avvincente di pensieri. Il volerla portarla in alto per me ha molteplici finalità, una prima, più utile al combattimento, farla sgallare per farla prendere aria, una seconda, mantenere la canna il più possibile in tensione sfruttandola per intera e consentendo così una quasi nulla probabilità di slamata, ed infine, la finalità meno importante per il combattimento ma più per il nostro istinto, vedere chi abbiam difronte in tutto il suo splendore argenteo.



Fase finale: come spiaggiare la spigola. Il momento più critico è arrivato, come spiaggiarla. Lei stessa mi ha portato alla destra della foce con la canna ma io son ancora sulla sinistra. Ho spiaggiato molte spigole ma questa per me è particolare. Bisogna interpretare, valutare, desistere dal commettere errori. Devo trovare la giusta onda che l’accompagni sulla battigia e, allo stesso tempo, esser fulmineo nel prenderla con le mani affinché non arrivi una nuova onda di risacca o il fiume con la sua forza non se la riporti in mare. Eccolo, è arrivato il momento giusto per portarla a riva, è lei, bellissima, stimata subito sui 2 kg. La mia felicità: esser riuscito a pescare in un nuovo spot con condizioni, tecnica e fortuna ottimali.



Condividere le proprie emozioni in rete. Per rivivere le stesse sensazioni, le eguali emozioni, come faccio io riguardando i miei video per più di una volta, ho scelto di pubblicare il video della spigola protagonista dell'articolo. La passione per il mare, per la bellezza di questo predatore che sotto il vettino delle nostre canne si trasforma in preda e per le emozioni rivisitate, mi hanno fatto concepire un nuovo modo di vivere la pesca, in spiaggia e su web, attraverso la condivisione in rete con altri appassionati delle fasi più belle di una cattura. Perché per me anche il fatto di montare questi video è passione.
Autore

Giò Seabass Fishing

Lucano d'origine, trapiantato in Calabria, ama pescare sottile le sue Regine dei mari!
ARTICOLI CONSIGLIATI
Pesca all'inglese in mare dalla scogliera

Pesca all'inglese in mare dalla scogliera

Probabilmente questo è uno degli ultimi articoli di pesca in mare che scriverò nella mia vita. Sono di ritorno in Trentino dopo aver trascorso le vacanze di Pasqua in Puglia. Il Frecciarossa percorre la tratta ad una velocità superiore ai 150 km/h. La mia mente, però, è ancora lì, in riva al mare, dove ho trascorso felici momenti di pesca ed aggregazione con le persone più care. La pazza consuetudine di portare un po’ di “colomba” ai pesci infreddoliti, proprio nei giorni di Pasqua, è stata rispettata anche quest’anno, nonostante il maltempo in arrivo e il poco tempo da dedicare al caro amatissimo mare. Purtroppo non ho più tempo da dedicare alla pesca in acqua salata… Scendo in Puglia tre volte l’anno e tra ferragosto, Natale e Pasqua, se il maltempo non fa le bizze, rubo 6/7 giorni effettivi di pesca, troppo pochi per documentare o sperimentare. Ecco quindi che semplice pescata scacciapensieri si è trasformata in un’occasione per tornare a parlare di una speci
Pesca all'inglese in mare

Pesca all'inglese in mare

Con la nascita dell’Associazione Pescanet, la pesca ha assunto per me la dimensione di un secondo lavoro. Spesso mi porta ad affrontare posti nuovi, parecchio lontani da casa, con lo scopo di effettuare report ed itinerari sempre più aggiornati. In un sabato frizzantino, con l’aria pungente ed il mare leggermente mosso, un deja-vu colpisce la mia mente. Eccomi dinanzi l'immagine di una boga di grossa pezzatura, amica indelebile di tante competizioni giovanili che mi hanno regalato vittorie a suon di tre pezzi. L’incontro con i pescatori di Manfredonia, una località nel golfo del Gargano, segna il ritorno ad una tecnica abbandonata a favore del ledgering e della bolognese. La pesca all’inglese, nata infatti in Inghilterra negli anni ’60 ha poi visto un’applicazione proprio nelle acque marine, in condizioni diametralmente opposte ai fiumi e canali del nord Europa. I tempi sono un po' cambiati rispetto al passato. Una ventina di anni fa il freddo di Novembre allontanava defi
Pesca all'occhiata dai moli

Pesca all'occhiata dai moli

Non si finisce mai d'imparare. Di certo, tra i pescatori, l'umiltà è un sentimento poco diffuso. Siamo tutti campioni del mondo. Siamo tutti grandi pescatori. Noi siamo i più grandi, gli altri non valgono nulla. Gente così avvezza all'autocelebrazione è un classico nel mondo di internet dove i rapporti umani sono confinati in un computer. Sono un pescatore di pubblico dominio e mi contattano in tanti per avere consigli, delucidazioni, pareri. Il mio cuore sobbalza di gioia alle mail dei giovanissimi che, spesso, vorrebbero un'idea sull'attrezzatura da compare. Mi scrivono anche i miei coetanei, gente a cavallo dei trent'anni, che ha scoperto per caso la disciplina della pesca e sta imparando tanto dal nostro lavoro sul web. Ci sono poi gli unenti dal cuore di ghiaccio. Sono quelli da tenere alla larga, perchè rovinano la quiete dei forum e fanno piazza pulita di ogni brava persona che incontrano. Sputano sentenze restando nell'anonimato e costruiscono reputazioni di grandi pescat
TOP
Per contatti: info@pescanet.it - Privacy Policy - C.F. DBSMRC83B05L109F